25ottobre

Consigli di lettura/8

Tre volumi suggeriti da Studio Garamond: le lettere d’amore che cambiarono il corso della storia d’Inghilterra, una commovente storia d’amore ambientata nella Russia staliniana e il diario di un grande personaggio della letteratura.

Enrico VIII

Lettere d’amore ad Anna Bolena

Nutrimenti 2013, pp. 128, 12,00 euro

Il libro, a cura di Nadia Fusini e tradotto da Iolanda Plescia, raccoglie per la prima volta in un unico volume le 17 lettere d’amore inviate da Enrico VIII ad Anna Bolena scritte tra il 1527 e il 1528, durante il periodo del serrato corteggiamento rivolto dal Monarca alla damigella di sua moglie Caterina d’Aragona. La raccolta comprende anche una lettera indirizzata da Anna Boleyn al Cardinale Wolsey per ringraziarlo del suo interessamento alla richiesta di divorzio, mentre le lettere di Anna sono invece andate perdute. Iolanda Plescia, studiosa di storia della lingua inglese, qui ricostruisce la storia delle lettere, custodite oggi nella Biblioteca Vaticana e presentate in una versione che tiene conto sia della prima pubblicazione curata in Inghilterra da Thomas Hearne nel 1714 sia dell’edizione ottocentesca di J. O. Halliwell Phillips, filologo e biografo shakespeariano e grande esperto dei manoscritti della prima età moderna inglese.

***

Simon Montefiore

L’amore ai tempi della neve

Corbaccio 2013, pp. 433, 16,60 euro

Dopo lo straordinario successo di Sasenka, un nuovo romanzo di Simon Montefiore che conserva la stessa atmosfera romantica e avvincente. Il volume ha già conquistato i lettori e la stampa internazionale. Nella Russia staliniana degli anni Quaranta del XX Secolo, con la II Guerra Mondiale appena terminata, in una Mosca nella quale la neve non può cancellare le rovine e le macerie, un ragazzo e una ragazza vengono trovati morti su di un ponte. I ragazzi appartengono a due delle famiglie più influenti e più vicine a Stalin e frequentano entrambi il collegio più esclusivo, dove studia tutta la nuova élite politica e intellettuale dell’Unione Sovietica. Omicidio o doppio suicidio? “Un romanzo straordinario che cattura e commuove profondamente” ha scritto The Bookseller. I libri di Montefiore autore di saggi storici che hanno ottenuto importanti premi e riconoscimenti sono bestseller in tutto il mondo e vengono pubblicati in 40 lingue. Durante la stesura del romanzo lo scrittore ha avuto modo di intervistare alcuni dei ragazzi arrestati nel caso che gli ha ispirato il presente volume. “Se i vostri figli fossero costretti a testimoniare contro di voi, quali terribili segreti potrebbero rivelare?”.

***

Amanda Grange

Il diario di Mr. Darcy. Orgoglio e pregiudizio: La versione di Darcy

tre60 2013, pp. 300, 12,90 euro

La storia d’amore più romantica della letteratura di tutti i tempi, Orgoglio e Pregiudizio, redatta da Miss Jane Austen e pubblicata il 28 gennaio del 1813, viene ora narrata dal punto di vista di Fitzwilliam Darcy, l’eroe leggermente altezzoso che da duecento anni a questa parte continua a conquistare il cuore di milioni di lettrici in tutto il mondo. Per la prima volta abbiamo accesso ai pensieri e sentimenti più intimi di Darcy, riversati nelle pagine del suo diario, e a tutti quei momenti e quelle situazioni cui nell’originale si fa solo cenno. All’apparenza freddo e distaccato, Darcy in realtà ha un temperamento passionale: possiamo condividere la sua furia e la sua indignazione nello scoprire il proposito della sorella di fuggire con George Wickham, la sua buona fede nell’adoperarsi per separare l’amico Charles Bingley da Jane Bennet e il suo disgusto nel dover di nuovo aver a che fare con Wickham, che ora insidia proprio la famiglia Bennet. L’inglese Amanda Grange si è da tempo specializzata nell’interpretazione creativa dei classici della letteratura.

Articolo a firma di Alessandra Stoppini

Comments (0)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>